Salta la barra di navigazione e vai al contenutoLogo Amici della Galleria Spazzapan
Torna alla pagina principale chi siamo contatti
Novità Eventi Bandi Luigi Spazzapan La Galleria Spazzapan Album

 

Gradisca d'Isonzo home > chi siamo > gradisca d'isonzo


le attività
i soci
Gradisca d'Isonzo
le origini
nel '400
incursione dei turchi
la fortezza
'600 e '700
'800
immagini
link utili
contatti

Gradisca nel ‘800

L'inizio del secolo si apre con l'occupazione francese della città. Gradisca è ormai declassata a vecchia fortezza. Inservibile per apparati difensivi e strategie d'attacco, diventa semplicemente una antica cittadina sul confine orientale del Regno napoleonico e capoluogo di distretto.

Ritornata all'Austria nel 1814 mantiene questa posizione di centro amministrativo circondariale, inglobando nella sua sfera di attività pubbliche molti comuni contermini che formano un distretto. Tutto il secolo può dirsi un periodo di relativa tranquillità.

In città arrivano certamente gli echi delle vicende italiane, i moti del ‘48, la fine del Lombardo Veneto nel 1866. Qualcuno si sente italiano e decide di arruolarsi con i garibaldini, ma la città nel suo complesso è austriaca e cresce nel clima di relativo benessere e industrializzazione che investe tutti gli stati asburgici.